Ingrosso-pneumatici-e-gomme-usati-di-tutte-le-marche Ingrosso gomme usate


INGROSSO GOMME USATE



INGROSSO GOMME USATE COMPOSIZIONE DEL BATTISTRADA
Il battistrada può essere:
1. Monomescola si usa un solo tipo di mescola per la composizione del battistrada

2. Plurimescola si adoperano più mescole per la composizione del battistrada, con passaggio netto o graduale da una mescola all'altra, soluzione adoperata per alcuni pneumatici motociclistici
GOMME USATE TACCHETTATE
Il disegno del battistrada è molto importante e varia profondamente a seconda del tipo d'utilizzo dello pneumatico.
Tipo del disegno
Il disegno della gomma usata per le autovetture, camion e di qualsiasi altro mezzo con 3 o più ruote può essere:
1. Simmetrico, la gomma adotta il medesimo intaglio su tutto il battistrada.
2. Asimmetrico, la gomma nella parte interna ha un disegno dei intagli diversi da quella esterna; questa differenza permette una funzione diversificata dello pneumatico: la parte più esterna, meno intagliata, reagisce meglio alle curve veloci, mentre la parte interna, più intagliata, permette un miglior drenaggio dell'acqua; questo comportamento differenziato può mutare a seconda dei diversi trasferimenti di peso e variazioni d'assetto che il mezzo può assumere durante la marcia (con un minor trasferimento di carico si usa la parte più interna, con un maggior trasferimento di carico si usa la parte esterna).

CARATTERISTICHEDI UNA GOMMA USATA
Il disegno è caratterizzato da:
1. Numero di scanalature, maggiori saranno le scanalature e più sarà drenante il battistrada
2. Profondità delle scanalature, più saranno profonde e più sarà drenante il battistrada
I due estremi per il disegno del battistrada sono gli pneumatici da Cross e da Motomondiale, dove nel primo caso gli intagli sono talmente numerosi e profondi da creare i tacchetti (abbastanza distanti tra di loro e alti anche qualche centimetro) che caratterizzano questi pneumatici, mentre nel secondo caso (pneumatici da Motomondiale) questi sono completamente privi d'intagli, detti slick.
Il disegno del battistrada può essere anche creato o rigenerato tramite degli intagliatori per pneumatici, generalmente la creazione di intagli viene effettuata sugli pneumatici completamente lisci come quelli del Motomondiale, pratica tipica dei mezzi da supermotard, mentre la rigenerazione degli intagli, e quindi l'altezza del battistrada, viene generalmente eseguita su copertoni da camion.

CARATTERISTICHE DEGLI PNEUMATICI-GOMME
Gli pneumatici hanno determinate caratteristiche, influenzate da determinati valori, alcune molto importanti per definire il comportamento dello pneumatico, come:
1. Larghezza battistrada,la larghezza del battistrada influisce in vari modi a seconda della tipologia di pneumatico:
Motociclistico, a maggiore larghezza corrsponde una maggiore capacità di tenuta, ma una minore velocità di cambio direzione e una minore tenuta su fondi bagnati;
Automobilistico, a maggiore larghezza corrisponde una maggiore capacità di tenuta, ma una minore velocità di sterzata e di cambio direzione e una minore tenuta su fondi bagnati.
2. Altezza spalla è la distanza tra il manto stradale e il cerchione; questa caratteristica permette la deformazione del profilo dello pneumatico, migliorando l'assorbimento di urti (causati, per esempio, da fondi irregolari), smorzando l'effetto delle masse non sospese e riducendo l'intervento delle sospensioni/ammortizzatori; a una maggiore altezza della spalla, corrisponde una minore reattività in fase di sterzata e una minore stabilità in appoggio su fondi duri e regolari, come le strade; causa di ciò è la minore velocità di virata (rotazione in gradi al secondo).
3. Pressione pneumatico, una maggiore pressione corrisponde a una durezza maggiore dello pneumatico; questo valore deve essere regolato in base alla massa del veicolo, al tipo di strada da percorrere ed allo pneumatico utilizzato. Una pressione relativamente elevata è adatta a mezzi pesanti, a strade lisce e dure ed a pneumatici a spalla bassa. Circonferenza della ruota, un valore maggiore corrisponde ad un minore effetto delle irregolarità del terreno, determinato da un passaggio più morbido da un livello ad un altro.

ADERENZA DELLA GOMMA USATA
L'aderenza degli pneumatici, come descritto dalla legge della fisica sull'aderenza, non è definita solo dalla larghezza dello stesso, ma dal coefficiente d'aderenza dello pneumatico, definito dalla mescola dello stesso.
Il problema dell'aderenza degli pneumatici è dato dal fatto che il materiale di contatto dello stesso con l'asfalto tende a scaldarsi, soprattutto in condizioni d'utilizzo gravoso, come le curve, le frenate e accelerazioni brusche. Per questo motivo, la larghezza dello pneumatico deve avere un valore minimo, perché altrimenti si rischia un surriscaldamento dello pneumatico e, di conseguenza, una diminuzione del coefficiente d'attrito. Ma è altrettanto vero che il manto stradale non ha sempre le stesse caratteristiche, quindi si possono avere delle zone di maggiore aderenza. Il problema della larghezza dello pneumatico si presenta anche per via del valore massimo, perché, raggiunto un determinato valore, il materiale di cui è costituito lo pneumatico non riesce più ad entrare in temperatura d'esercizio e a dare una sufficiente aderenza; inoltre, utilizzando misure grandi, si aumenta la possibilità che qualche oggetto estraneo si interponga tra ruota e asfalto, riducendo l'aderenza. In caso di pioggia, l'acqua si interpone tra asfalto e pneumatico, riducendo di conseguenza l'aderenza; essa si riduce maggiormente con pneumatici non drenanti e larghi, mentre con pneumatici drenanti (come gli pneumatici invernali) e stretti si diminuisce questo effetto, perché, o viene drenata meglio, o spostata via più facilmente, data la maggiore pressione dello pneumatico stretto sul manto (per via della ridotta superficie di appoggio dello stesso).

 

 


PNEUS M.B. - Via PRIULA n. 78 - 31040 NERVESA DELLA BATTAGLIA (TV)
Tel. 329 8770540

e-mail: ziva63@libero.it